Esempi di dominanza incompleta

La dominanza incompleta o dominanza parziale si presenta quando un allele non è dominante completamente su un altro allele, in questo caso si dice che, l’allele, dimostra una dominanza incompleta o parziale. Quando si studia Mendel, per rendere le cose più semplici, si considerano solo ed esclusivamente degli alleli che presentano una dominanza o una recessività completa. Esistono delle differenze importanti tra dominanza completa e incompleta.

Dominanza incompleta

Nel caso della dominanza incompleta l’allele recessivo riesce ad esprimersi, ma in misura minore rispetto allele dominante.

Importante
nel caso di dominanza incompleta, il fenotipo dell’eterozigote è intermedio tra quelli degli omozigoti per l’uno o l’altro degli alleli interessati.

Esempi dominanza incompleta

Il colore del piumaggio dei polli rappresenta un buono esempio di dominanza incompleta. Incroci tra un ceppo, apprtenente a una linea pura, con Piume Nere (omozigote PN PN) e un ceppo di linea pura con Piume Bianche (omozigote PB PB ) danno alla prima generazione filiale dei polli con piume blu-grigiastro, che vengono indicati con il termine di polli blu andalusi

Un pollo blu andaluso non è più una linea pura (né  omozigote per il carattere nero né omozigote per il carattere bianco), per questo motivo se noi dovessimo incrociare un due polli di questo tipo i due alleli segregano nella progenie e producono polli neri, blu andalusi eb bianchi in rapporto 1:2:1 (e non più come avviene in caso di dominanza e recessività completa con il rapporto fenotipico 3:1 tre neri e 1 bianco). Da questo si capisce che se volessimo ottenere più polli blu la cosa ideale sarebbe incrociare linee pure di polli neri con linee pure di polli bianchi

 

Precedente Musica rilassante per studiare Successivo Carboidrati chimica organica